Riqualificazione Energetica

01.10.2017 - Posted by PI-MAR Porte e Infissi

Gli aspetti economici relativi alla riqualificazione energetica del foro finestra

Quando un potenziale cliente decide di acquistare un prodotto una delle cose che più gli interessano è il prezzo; siamo infatti tutti alla ricerca di cose che costino poco e valgono molto.

Con questo principio però si fanno delle speculazioni che pur abbassando il prezzo iniziale, poi causano costi e sprechi di entità ben maggiore.

Uno dei casi più classici riguarda proprio la sostituzione dei serramenti.

Quando si acquista una finestra si dovrebbe capire che un serramento che costa di più ma ha un maggior isolamento termico è certamente più conveniente rispetto ad una finestra più economica che però lascia dissipare più calore. Infatti il costo iniziale pesa sul portafoglio solo una volta mentre i costi di riscaldamento e raffreddamento li paghiamo tutti gli anni per quanto a lungo può durare l'infisso.

Oltre ad influire negativamente sulla efficienza termica, una scelta sbagliata può portare anche alla riduzione della luce architettonica che può essere più o meno evidente in funzione del tipo di posa che si deciderà di fare: avere più luce in casa significa avere una maggiore qualità di vita e quindi si dovrebbe fare di tutto per ridurre la luce al minimo possibile.

L'isolamento acustico è un altro parametro che è in grado di migliorare o peggiorare la qualità di vita nella casa e che va considerato al momento dell'acquisto, così come le prestazioni di tenuta e la capacità di contrastare l'ingresso dei ladri.

Infine la qualità di un serramento dipende anche dalla durata dei componenti: avere una garanzia di durata per un manufatto che dovrebbe avere una vita utile di almeno 20-30 anni è una cosa fondamentale.

Tutte queste caratteristiche si riflettono sul costo di acquisto iniziale che sarà certamente maggiore per un buon serramento rispetto ad un infisso di qualità solo apparente.

Ma quale è l'influenza reale di una differenza di prezzo tra due prodotti?

Proviamo a capirlo insieme e immaginiamo che un serramento costi € 200,00 in più di un altro.

Lo Stato, grazie alla legge sul recupero fiscale degli interventi di miglioramento energetico, restituirà al cliente il 65% della spesa; il 35% (ovvero € 70,00) diviso per 20 anni che sono la vita minima di un serramento, implica una maggior spesa di € 3,50 all'anno in più.

Si tratta di una cifra così modesta che dovrebbe scoraggiare qualsiasi speculazione.

In verità, se mettiamo in conto che il risparmio che il cliente potrà avere sui costi di riscaldamento, potremo dimostrare che cambiare le finestre non è un costo ma è uno tra gli investimenti finanziari che fa fruttare maggiormente il denaro investito.

In questo manuale abbiamo trattato 3 diversi interventi: la posa ad alta efficienza termo-acustica, la coibentazione del cassonetto, il taglio del marmo passante.

Vediamo quanto ciascuno di questi singoli interventi può valere dal punto di vista del vantaggio economico.

Il vantaggio economico di una posa ad alta efficienza termoacustica

Rispetto ad una posa convenzionale fatta con silicone e schiuma, il sistema che viene usato nella maggior parte delle situazioni a causa di una ignoranza del posatore o per una speculazione economica, la corretta posa in opera con il sistema PosaClima Renova comporta un costo aggiuntivo che può andare da un minimo di € 3,00 fino ad un massimo di € 30,00 per finestra (a seconda di come si posava prima, dei materiali scelti e delle situazioni di posa).

Quantificare il miglioramento dell'efficienza energetica del serramento passando da un sistema all'altro non è facile, ma se consideriamo la miglior tenuta e, soprattutto, la durata nel tempo del sistema PosaClima Renova si può considerare una riduzione delle dispersioni globali del foro finestra distribuite su tutta la vita utile del serramento che arriva fino al 15%.

Dal momento che ai vecchi serramenti è mediamente imputabile circa il 30% delle dispersioni globali di un edificio, risparmiare il 15% del 30% significa ridurre all'incirca del 5% le spese complessive che vengono sostenute per il riscaldamento e/o raffreddamento dell'abitazione.

Per dare un'idea quantitativa di questo miglioramento basta considerare che, in un appartamento con 5 serramenti in cui si spendono mediamente € 1000,00 all'anno per il riscaldamento, è possibile con una posa corretta risparmiare fino a € 50,00 l'anno per tutti gli anni di vita del serramento. Questo significa risparmiare globalmente € 1.500,00 contro una spesa iniziale per la posa che può essere maggiore al massimo di € 150,00 rispetto ai sistemi più scadenti.

Richiedere una corretta posa quindi non è un costo ma un investimento molto renumerativo.

Oltre ai vantaggi economici, una posa corretta garantisce anche un miglior isolamento acustico, la assenza di spifferi d'aria e la risoluzione di ogni ponte termico: viene quindi scongiurato il pericolo di formazione di condensa e muffa sul muro.

Una buona posa serve quindi anche ad avere un ambiente più salutare e confortevole con più luce.

Per le ragioni elencate una posa in opera ad alta efficienza termoacustica è un grande valore che ogni serramentista può aggiungere ai propri serramenti ed al proprio lavoro.